Link popularity – come essere primi su google

Come spiego sempre a tutti i nostri clienti, il posizionamento del loro sito web su google per determinate parole chiave avviene principalmente grazie alla link popularity.

Non esistono trucchi e stratagemmi come molti di loro sono soliti pensare, il posizionamento naturale su Google si acquisisce se un certo numero di altri siti ( meglio se a tema con la categoria di appartenenza ) dirige links verso il loro.

Le attività di link building sviluppate per incrementare la popolarità di un sito non sono banali da fare anche per il fatto che Google opera un controllo approfondito sia sulla qualità delle pagine che “donano” i LINKS che sulle pagine di destinazione; se solo una delle due condizioni non venisse soddisfatta non ci sarebbero risultati.

Ne si evince che per migliorare la propria link popularity e posizionarsi su Google servono contenuti di qualità che potrebbero indurre altri siti a linkare il nostro sito e l’alleanza con altri siti a loro volta autorevoli.

Si possono acquistare dei links per essere primi su google?

E’ una pratica molto diffusa quanto rischiosa e onerosa economicamente perchè i siti più autorevoli vendono link a prezzi molto elevati, links che molto spesso vengono eliminati alla scadenza dell’accordo fra le parti, facendo di conseguenza retrocedere il sito del destinatario.

Quando si intraprende questa strada bisogna evitare di acquistare montagne di links che puntano sempre la stessa pagina del vostro sito ( tipicamente la home page ), peggio ancora se collegati con la stesso anchor text – [ Il testo che contiene un collegamento o link a un’altra pagina è denominato in inglese anchor text ].

E’ utile acquistare dei links per incrementare la link popularity e migliorare il posizionamento su Google ?

SI, se il vostro sito è ricco di contenuti di valore.
NO, se il vostro sito è un contenitore vuoto e peggio ancora se con tante pubblicità !

Ci sono altri sistemi per incrementare la link popularity ?

Certamente, servirebbero decine di pagine per approfondire questo importantissimo fattore SEO; senza tediarvi ne cito alcuni che ritengo essere tra quelli più importanti:

1) Scrivere GUEST POST per blog tematici della vostra categoria d’interesse.
Un Guest Post è un post che voi scrivete per la pubblicazione su un altro blog; è buona norma realizzare contenuti unici ( quindi pubblicati solo su un blog oppure se più di uno apportando sensibili variazioni rispetto agli altri ).
E’ palese che all’interno di ciascuno di questi articoli oppure in firma dovrete inserire il link verso il vostro sito.

2) Partecipare alle migliori discussioni sui forum di settore, scrivendo Thread ad alto valore aggiunto, con il solito link strategico.

3) Creare sondaggi.

4)
Creare Video con contenuti di valore, embedati in pagine del Vostro sito.

5) Attuando una strategia di content marketing sui Social Media.
Ogni giorno, migliaia di utenti si confrontano su social come: Facebook, Twitter, Linkedin, Google + sugli argomenti più disparati.
Spesso le loro conversazioni ruotano intorno a prodotti e servizi già esistenti su Internet, partecipando attivamente alle discussioni potrete segnalare le vostre pagine e scatenare un processo di condivisione delle vostre risorse ( siano video, immagini, posts ) aumentando così il numero di links in ingresso, la link popularity del vostro sito e le possibilità di essere rintracciati come primi su google.

Fabio Dell'Orto on EmailFabio Dell'Orto on Linkedin
Fabio Dell'Orto
Digital Project Manager - SEO&SEM Specialist - WebCreativi
Analista programmatore per 20 anni, nel 2001 si innamora perdutamente di Internet ed in particolare di SEO (Search Engine Optimization) e incomincia a studiare Google e ad occuparsi di posizionamento sui motori di ricerca.

E’ l’ideatore del Blog Degli Orologi, il primo blog italiano interamente dedicato al mondo dell’orologeria, e responsabile del progetto Citizenmania, blog community degli appassionati delle tecnologie Citizen. Ha collaborato con importanti società nazionali e miultinazionali come Liolà, Gruppo Orlandi, Trussardi e Giuseppe Bianchi SpA.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *