Amazon Stores come creare un negozio Amazon personalizzato

Oggi parliamo di Amazon Stores, il nuovo sistema gratuito per creare negozi su Amazon di piccoli o grandi brand con un marchio registrato.

Per creare uno Store Amazon non servono particolari skill tecnici o grafici, gli stores possono essere utilizzati come terminale di qualsiasi attività on ed off SITE AMAZON e sono fruibili ed ottimizzati per tutti i dispositivi.

Perchè dovrei creare uno Store su Amazon?

Mah potremmo fare un lungo elenco di benefici tuttavia la risposta più convincente dovrebbe essere: per avere una vetrina su un grande ed unico mercato da 300 milioni di potenziali clienti!

Come creare uno Store su Amazon?

C’è uno Store Builder, un comodo strumento self-service di Amazon disponibile al sito Advertising.amazon.it. dal quale si possono anche scegliere un set di soluzioni pubblicitarie per trovare, attrarre e coinvolgere clienti verso il Vostro Amazon Store! Oppure per gli altri negozi disponibili sul portale.

Ci sono delle regole?

Si! E’ indispensabile essere un marchio registrato nel vostro paese e sul registro Amazon; per iscrivere la vostra marca potete consultare questa pagina anche se vi suggeriamo di affidarvi ad un’agenzia o a un consulente specializzato.

Dopo aver effettuato la registrazione del marchio, vedrai l’opzione “Gestisci negozi” (Manage Stores) in “Vetrine” (Storefronts) su Seller Central.

Quanto tempo occorre per creare uno Store?

Dipende da ciò che si desidera creare.

Vengono forniti dei modelli che consentono di creare pagine in modo rapido senza particolari di competenze grafiche.

Quando viene pubblicato un negozio, viene esaminato seguendo una procedura di moderazione per assicurarsi che corrisponda agli standard elevati che Amazon ha definito per l’esperienza d’acquisto dei suoi clienti.

La moderazione può richiedere fino a 72 ore e le modifiche al vostro negozio potrebbero essere rifiutate qualora non soddisfino le politiche di accettazione.

Clicca qui per vedere uno Store attivo.

Conclusioni

Gli Amazon Stores riteniamo che siano una nuova e potente opportunità per coloro che sono interessati al commercio elettronico perchè utilizzando gli annunci sponsorizzati  e/oppure display di Amazon si possono raggiungere facilmente gli utenti interessati che navigano all’interno di Amazon.

Noi vi offriamo una consulenza e strategia pianificata a partire dalla registrazione del marchio, la creazione dello store, lo sviluppo delle campagne ADV.

Contattaci

Il tuo nome (richiesto)

La tua mail (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Acconsenti il trattamento dei dati secondo l'informativa UE 2016/679 Privacy

captcha

Come migliorare il posizionamento su Google

Questo post è “liberamente tratto” dal mio profilo Facebook nel quale qualche settimana fa ho risposto a uno sfogo di un utente che aveva scritto: “IO GOOGLE NON LO CAPISCO PIÙ”.

La risposta è un po’ colorita ma posso assicurarvi che “nasconde” l’autentica filosofia sulla quale si basano i risultati offerti dal più importante ed evoluto motore di ricerca al mondo.

Ecco la mia risposta rivolta all’utente.

Google ha 20 anni va capito, ormai è un ometto maturo e intelligente.

La sua filosofia è relativamente semplice sai?

Prima di tutto pensa che ha una infrastruttura molto articolata e costosa da gestire: sedi, server, personale..

Per permettersi di pagare 💰 bollette, stipendi e fornitori ha dunque l’esigenza che “la gente” continui a fare ricerche consapevoli sulle sue SERP anziché in altro modo, solo così tra le milionate di visite ogni giorno ci sarà sempre qualche click sui suoi ADS.

Ma non è facile neanche per lui credimi, noi ci affidiamo a Google perché ci fidiamo dei suoi risultati, ma se
poco alla volta diventassero scadenti andremo a cercare quello che ci serve da un’altra parte.

È per questa ragione che Google considera i siti posizionati in prima pagina come dei suoi partner.
Per ogni parola chiave e/oppure intento di ricerca seleziona solo siti autorevoli perché altrimenti per quanto scritto sopra sarebbe deleterio per le sue casse!

Periodicamente, di recente l’ha fatto un mesetto fa (agosto 2018), controlla se i suoi partner continuano ad essere affidabili  a produrre contenuti di qualità, oppure se il caso di rimuoverli dalla prima pagina dei risultati.

Ne si evince che per essere presi in considerazione e diventare buoni amici di Google bisogna essere autorevoli. 😞

Come si fa?

Mah! Qui ci sono parecchie scuole di pensiero.

C’è chi si sfonda di link, chi la butta sul contenuto… chi sulla semantica, chi, chi, chi…

Io ho 57 anni e ho iniziato a fare  SEO quando Google non era ancora stato fondato, all’epoca facevo door page per posizionare i siti dei miei clienti su “motori di ricerca” come: il trovatore 🤣 Virgilio, ask e poi più seriamente su Yahoo quando Yahoo non era ancora diventato una divisione digitale di novella 2000. 👀

Credo che per essere autorevoli agli occhi di Google devi prendere un blocco notes e una penna, immedesimarti in uno dei suoi analisti e cercare di fare una lista delle principali cose che potrebbero rendere autorevole un sito per ambire a diventare suo partner ed essere ben posizionato per le parole chiave a cui sei interessato.

Qualche esempio?

Il mio sito è lento potrebbe essere un indice di scarsa autorevolezza?

Gli autori dei miei articoli non hanno una bio, potrebbe essere interessante aggiungerla e lavorare sul loro personal branding?

I miei contenuti danno valore aggiunto rispetto a quello che scrivono gli altri miei competitor? Altrimenti perché dovrebbe togliere un suo partner storico e affidabile per mettere il mio sito🧐!

È così via… non voglio tediarti oltre… in poche parole… se vuoi capire Google immedesimati in Google e se ti va ricordati di questo breve post oppure contattaci per aiutarti a mettere in pratica i suggerimento che hai letto.

Contattaci

Il tuo nome (richiesto)

La tua mail (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Acconsenti il trattamento dei dati secondo l'informativa UE 2016/679 Privacy

captcha

Netcomm Forum 2018, l’evento nazionale dedicato all’e-commerce

E’ in programma a Milano, presso MICO, il 30 e 31 maggio, l’appuntamento italiano più importante per il settore dell’e-commerce, due giornate dedicate al digital retail e alla digital trasformation.

Come per le passate edizioni, il #NetcommForum si contraddistinguerà per il ricco palinsesto di appuntamenti, attraverso workshop tematici, presentazioni di studi e case history di aziende che si susseguiranno per l’intera durata dell’evento, con un numero di espositori in  crescita e una superficie espositiva che si svilupperà su due piani.

“Il consumatore sta guadagnando consapevolezza e dunque potere, le tecnologie aprono nuove strade e il contesto competitivo diventa più complesso. Il #NetcommForum ha l’obiettivo di fornire agli operatori del settore tutti gli strumenti e le informazioni utili affinché possano essere parte attiva di un processo di evoluzione digitale inarrestabile che li porterà a creare nuove prospettive per il loro business” – dichiara Roberto Liscia, Presidente Netcomm.

Per iscrizioni e info sul programma del Forum è possibile visitare il sito www.netcommforum.it, per iscriverti online clicca qui.

 

Chatbot e realtà aumentata per gli Ecommerce

Le relazioni tra brand e consumatori stanno andando incontro a una grande rivoluzione. La tecnologia, da tempo vera anima del progresso, viaggia verso nuove dinamiche di interazione con il cliente e di approccio alla scelta e all’acquisto dei prodotti: è il commercio, infatti, il settore maggiormente interessato dal cambiamento. L’innovazione in questo campo, che da anni ha riguardato il mondo del web e dei social network, si concentra oggi sull’implementazione dei chatbot e della realtà aumentata. Scoprire queste nuove realtà ci permetterà di comprendere in quale direzione si sta muovendo attualmente lo sviluppo del marketing online e degli e-commerce di nuova generazione.

Innovazione 4.0: le tendenze

L’inizio di quel rapido processo di rinnovamento tecnologico a cui oggi si assiste è avvenuto nel momento in cui il vecchio marketing basato sul prodotto si è evoluto per orientarsi invece verso il cliente: la chiave non era più mostrare ai potenziali consumatori le caratteristiche vantaggiose di un articolo o di un servizio, ma avvicinarsi al cliente permettendogli di interagire con il brand in maniera diretta, suscitando in lui emozioni attraverso tecniche quali lo story-telling. Ora l’innovazione richiede un passo ulteriore: la crescente tendenza all’autonomia nella scelta e negli acquisti, da parte degli utenti, rende sempre più necessario sostituire in parte le interazioni umane (ad esempio, con il servizio clienti del brand o la pagina social) con quelle di natura puramente virtuale. È proprio qui che entrano in scena i chatbot, nuova frontiera del web marketing.

Le funzioni e i vantaggi dei chatbot

Chatbot è l’unione dei termini “chat” e “robot”: si tratta quindi di software che permettono all’utente di conversare virtualmente con un interlocutore artificiale, ricevendo risposte automatiche ma altamente varie e personalizzate. Si tratta della stessa tecnologia alla base degli assistenti vocali presenti sugli smartphone Andoid e Ios.
I chatbot esistono in realtà da molti anni, ma soltanto in tempi recenti le aziende hanno cominciato a puntare fortemente sul loro sviluppo, migliorando la loro capacità di elaborare i messaggi degli utenti e la pertinenza delle risposte. Alcuni chatbot si presentano all’interno dei siti web delle aziende, apparendo in un riquadro in basso a destra per rispondere alle domande del cliente e accompagnarlo in tutte le fasi dell’acquisto online, dalla scelta del prodotto al pagamento. Altri tipi di chatbot sono invece presenti all’interno di app di messaggistica come Telegram (che per primo li ha introdotti) e il Messenger di Facebook. Alcuni di questi software sono in grado di riconoscere la foto di un oggetto inviata dall’utente per proporgli prodotti simili all’interno dell’e-commerce, e di monitorare la tracciabilità di un pacco attraverso il numero dell’ordine.
Un innegabile vantaggio di questa tecnologia consiste nella rapidità di risposta dei chatbot e nella loro disponibilità 24 ore su 24.

La realtà aumentata

Far interagire oggetti e situazioni reali con i dati virtuali è invece la sfida della realtà aumentata: la tecnologia basata sulla sovrapposizione di immagini 2D e 3D alla realtà fisica tramite gli schermi di pc, dispositivi mobili o appositi pannelli.
Nel settore turistico, questa innovazione permette soprattutto di realizzare tour virtuali, di acquisire informazioni quali meteo e orari dei trasporti in maniera creativa, e di scannerizzare con il proprio smartphone edifici e monumenti per accedere a guide e modelli interattivi 3D.
Nell’ambito del commercio, alcuni punti vendita di grandi aziende hanno implementato questa tecnologia per permettere ai clienti di provare gli articoli in maniera virtuale, ad esempio, nel settore dell’abbigliamento, visualizzando su uno schermo la propria immagine con addosso il vestito che si desidera acquistare. La realtà aumentata può essere applicata anche a brochures e insegne pubblicitarie, che inquadrate attraverso la fotocamera di uno smartphone si trasformano istantaneamente permettendo di accedere a link e informazioni aggiuntive, utilzzando lo stesso sistema alla base degli ormai familiari QR code, ma in modo molto più dinamico ed esteticamente accattivante.
Oltre a fornire agli utenti servizi di grande utilità e nuovi tipi di esperienze di acquisto, la realtà aumentata persegue dunque l’obiettivo di divertire i clienti e di porli al centro della relazione con il brand, puntando sulle emozioni suscitate e sul sempre maggiore coinvolgimento dei consumatori.

WhatsApp Business per l’Ecommerce

Whatsapp per le imprese è arrivato in Italia

Da qualche giorno è possibile scaricare su dispositivi Android, la nuova applicazione Whatsapp Business, una nuova versione aggiunta da parte di Whatsapp che decide di espandere i propri confini e di aggiungere, al suo parco offerte, questa nuova funzione che permetterà alle imprese ed e-commerce di poter essere maggiormente vicina ai propri clienti.

I potenziali vantaggi di Whatsapp Business

I responsabili che hanno deciso di ideare questa nuova versione di Whatsapp hanno voluto esplicare anche le motivazioni che hanno spinto lo stesso team di sviluppo al mettersi a lavoro su questo particolare programma.
Il team di sviluppo ha precisato che, al giorno d’oggi, le imprese devono essere maggiormente vicine ai propri clienti in modo tale da rendere maggiormente forte la propria presenza all’interno di un settore di mercato particolare.
Le imprese, sfruttando Whatsapp Business, potranno essere in grado di rimanere in costante contatto con la propria clientela: questa funzione del programma, tipica anche nella versione per gli utenti che adoperano l’applicazione per parlare coi propri contatti, consentirà alle imprese di offrire un servizio di costante supporto ai clienti.
L’azienda che decide di sfruttare questa applicazione potrà inoltre inviare messaggi pubblicitari e promozioni varie ai propri clienti in modo tale da incrementare l’eventuale fatturato ottenuto mensilmente.
A tale vantaggio si aggiunge anche quello rappresentato dal fatto che i clienti avranno sempre un punto di riferimento fisso relativo a quell’impresa: molto spesso gli altri strumenti di contatto con le imprese, i quali vengono definiti come diretti ma che in realtà richiedono diverso tempo prima che il cliente possa ottenere una risposta, verranno superati e messi in disparte vista la presenza di un profilo aziendale su Whatapp.
C’è infatti la possibilità di prevedere un sistema di messaggi di benvenuto, di assenza per far sapere quando è si è disponibili, di risposte rapide e automatiche per rispondere subito al cliente senza farlo aspettare,
Inoltre l’invio di foto, file audio e la possibilità di poter comunicare vocalmente col cliente, sia mediante registrazione audio che con telefonata classica, renderanno migliori i rapporti tra gli utenti che si rivolgono a quell’impresa e lo staff che si occuperà di gestire il contact center su Whatsapp Business.
La stessa impresa californiana ha sostenuto che la versione Business dell’applicazione nasce per agevolare i rapporti tra cliente e imprese, rendendoli maggiormente rapidi ed in grado di offrire una soluzione ideale a tutti coloro che vogliono ottenere una risposta precisa da parte della stessa impresa che deciderà di sfruttare questa versione di Whatsapp.

La nuova funzione dedicata alle imprese

Ma il team di sviluppo di Whatsapp Business ha anche voluto anticipare quella che sarà la funzione che caratterizzerà lo stesso prodotto in maniera netta e chiara.
Si parla di Whatsapp Payments, ovvero una particolare aggiunta che consente ai clienti di effettuare il pagamento sfruttando la chat di Whatsapp aperta con quell’impresa.
Sostanzialmente il cliente potrà effettuare l’acquisto di beni e servizi e pagare, sfruttando il metodo associato al proprio account dell’applicazione, con la carta o conto bancario di suo gradimento.
La transizione avverrà in maniera rapida e soprattutto questa sarà certificata e sicura: nessuna frode da parte delle imprese le quali, prima di poter aggiungere i propri dati per ricevere il pagamento, verranno sottoposte ad attente revisioni da parte del team di Whatsapp stesso.
Grazie a tale aggiunta il team dell’applicazione inserirà un bollino verde nel nome dell’impresa e questo rappresenterà il certificato di sicurezza dell’impresa, che consentirà ai clienti di effettuare il pagamento senza temere delle conseguenze negative.

Con Whatsapp Business le aziende saranno in grado di potenziarsi e di essere maggiormente notate da parte dei clienti di un determinato settore.

 

Il Distretto Malpensa Nord Ticino premia il commercio

Domenica 14 gennaio 2018 alle h 16.30 presso la sala Civica Giovanni Paolo II di Somma Lombardo si è svolto l’evento di premiazione del concorso Natale in Vetrina 2017 del Distretto del Commercio Malpensa Nord Ticino – il “Distretto che vola”, con il sostegno di ConfCommercio Ascom Gallarate Malpensa e Varese.

L’evento, organizzato e condotto anche quest’anno da Barbara Gorlini dell’agenzia WebCreativi di Sesto Calende, ha registrato un record di presenza con oltre 150 vetrine in gara e un’affluenza di pubblico che ha superato ogni previsione.

Il presidente del Distretto Edoard Favaron ha aperto l’evento accompagnato dalla Vice Presidente e Assessore al Commercio di Somma Lombardo Ilaria Cerian, ringraziando per la collaborazione il Comitato del Distretto e gli Sponsor che si sono impegnati per trasformare questa occasione di incontro in uno spettacolo di alto livello.

La sala civica di Somma è stata allestita come un vero e proprio teatro di cabaret da Floricultura Estevez di Golasecca in collaborazione con il Papavero di Mornago, per accogliere le coreografie di burlesque e tango della Compagnia Amnesia di Busto Arsizio, oltre a divertentissimi sketch teatrali e momenti in cui non è mancata l’emozione, con un ricordo speciale rivolto al commerciante di Somma Lombardo improvvisamente scomparso Giorgio Casolo Ginelli al quale è stato dedicato lo spettacolo delle magiche bolle di sapone di Michela Prando.

Sul tradizionale maxi schermo sono state proiettate le foto di tutte le vetrine in concorso realizzate con la collaborazione di Passione Foto Angera, Roberto Angero Somma Lombardo, Fotosì Castronno e Roberto Veronesi Sesto Calende.

La sfilata di InStyle Sesto Calende con le acconciature di Katia Style Revolution di Mornago è stata mozzafiato, con sei modelle professioniste sul palco e abiti di gran gala rigorosamenti bianchi. Premi speciali a tutti i vincitori offerti dalla nuova SPA di Villa Borghi a Varano dove potranno godere di momenti di relax e benessere a pochi passi da casa, oltre a trattamenti capelli, viso e relax offerti anche da Katia Style Revolution.

Presente Ascom ConfCommercio con i rappresentati di Gallarate Malpensa, il Direttore Gianfranco Ferrario e il vicepresidente Marco Introini, e di Varese Paolo Dettoni che hanno spiegato l’importanza di digitalizzare il commercio e le recenti opportunità offerte dal Ministero dello Sviluppo economico con il Voucher per la digitalizzazione che prevede, fino al 9 febbraio prossimo, di presentare domanda per il contributo a fondo perduto del 50% degli investimenti realizzati nel web.

A fine serata è stato allestito un ricco buffet dove sono state degustate alcune eccellenze enogastronomiche del nostro territorio a marchio DECO, come lo Scudo di Somma Lombardo, il Raviolo di Sesto Calende e il pane di Angera, accompagnate da altri prodotti locali selezionati, come i panettoni della pasticceria Dolce Arte di Mornago, i vini della Tenuta Tovaglieri di Golasecca e di Cascina Piano di Angera.

 

Dalle parole del presidente Favaron: “Un evento bellissimo che ogni anno migliora e cresce nei numeri e nei risultati, complimenti ai Sindaci, agli Assessori e ai Consiglieri di tutto il Distretto e grazie ai commercianti che hanno partecipato numerosi e motivati, abbiamo soddisfatto anche quest’anno le loro aspettative e ripeteremo sicuramente questa esperienza l’anno prossimo.”

 

VINCITORI DEI SINGOLI COMUNI

CONSEGNA PREMI SESTO CALENDE

Premia l’Assessore al Commercio e Presidente del Distretto Edoardo Favaron
·      3. MORONI ARTICOLI REGALO CASALINGHI

·      2. LA BOUTIQUE DEL GUSTO

·      1° BIANCOSPINO FIORI E EVENTI

 

CONSEGNA PREMI TAINO

Premia il Consigliere Marco Buzzini

·      3° ARTE E TENDENZA

·      2° FARMACIA RAMELLA

·      1° TV SAT GIDIN

 

CONSEGNA PREMI VARANO BORGHI

Consigliere Stefano Carolo e Assessore Ines Zanzi

3 EX EQUO FLORICOLTURA VARANESE e IMMAGINE ACCONCIATURE

2. TESORI DELLA NATURA

1. NON SOLO INTIMO

 

CONSEGNA PREMI MERCALLO

Premia l’Assessore Tina Mancuso

2° FIOR DE LISA FIORISTA

1° LA DOLCE VITA PARRUCCHIERE

 

CONSEGNA PREMI ANGERA

Premia l’Assessore al commercio Valeria Baietti

3. IL GLICINE

2. LA BOTTEGA D’ANGERA

1. MON JARDIN

 

PREMIO SPECIALE WEBCREATIVI:

Il gatto e la volpe di Angera è stato premiato come vetrina più votata su Facebook con un coupon sconto di 100 euro per i servizi web offerti dall’agenzia di Sesto Calende.

 

CONSEGNA PREMI GOLASECCA

Premiano il Sindaco Claudio Ventimiglia e il Vicesindaco Bruno Specchiarelli

3. ACCONCIATURE CINZIA

2. BOUTIQUE DEL PULITO

1. BAR CRIS

 

CONSEGNA PREMI MORNAGO

Premiano l’Assessore al Commercio e Vice Sindaco Maurizio Bigarella eil  Sindaco Davide Tamborini

3. RISTORANTE CRUGNOLINO

2. IL PAPAVERO

1. STYLE REVOLUTION

 

CONSEGNA PREMI SOMMA LOMBARDO

Premia l’Assessore al Commercio e Vicepresidente del Distretto Ilaria Ceriani

3. GELATERIA PECCATI DI GOLA

2. ORTOPEDIA COSSIA

1. ERBORISTERIA ERBALUNA

 

PREMIAZIONI FINALI

·      PREMI SPECIALI DEL PRESIDENTE DEL DISTRETTO EDOARDO FAVARON a Erboristeria Erbaluna Somma Lombardo e La floricultura Varanese

·      MIGLIOR ALLESTIMENTO DEL DISTRETTO Bar Cris Golasecca

·      MIGLIOR VETRINA FLOREALE DEL DISTRETTO (2 vincitori EX EQUO) Mon Jardin Angera e Biancospino Sesto Calende

·      TERZO CLASSIFICATO DEL DISTRETTO Dolce Vita Mercallo

·      SECONDO CLASSIFICATO DEL DISTRETTO TV SAT GIDIN Taino

·      PRIMO CLASSIFICATO DEL DISTRETTO Style Revolution Mornago

Fare Ecommerce su Facebook Marketplace

Vendere online è un’attività sempre più diffusa, non solo tra le aziende specializzate nei vari settori, ma anche tra i privati. La necessità di trovare nuove piattaforme tramite le quali realizzare le proprie vendite ha portato anche il celebre social network Facebook a guardare ai propri utenti non solo come possibili persone in cerca di amici lontani con i quali chattare o scambiare informazioni, ma anche come potenziali venditori o acquirenti. Il Marketplace di Facebook, già attivo in America dalla metà del 2016, è arrivato in Italia a metà dello scorso agosto. Di cosa si tratta? Facebook Marketplace rappresenta una piattaforma di e-commerce attraverso la quale sia le imprese che i privati possono effettuare vendite di oggetti, capi di abbigliamento, elementi d’arredo e servizi di vario tipo. In realtà, questo servizio non nasce dal nulla: già da molti anni, infatti, esistono numerosi gruppi tramite i quali gli iscritti al social possono scambiarsi informazioni, ma anche effettuare piccoli mercatini online, ossia utilizzare il gruppo stesso come vetrina per trovare un acquirente soprattutto per oggetti usati che non si utilizzano più o biglietti di concerti o viaggi ai quali non si può più partecipare. In questo contesto, Facebook Marketplace può essere considerata una sorta di evoluzione di tali gruppi. Naturalmente, trattandosi di una vera e propria piattaforma di vendita, essa è strutturata in maniera molto più accurata e, soprattutto, in regola con la normativa vigente relativa alle vendite.

Proprio per quanto riguarda l’aspetto legale, va subito sottolineato che Facebook Marketplace non è un vero e proprio sito di vendita, ma piuttosto una vetrina, dove i venditori pubblicizzano la propria merce. L’esercente, quindi, non è Facebook e questo semplifica di molto le procedure di compra-vendita. Quando una persona è interessata a un determinato articolo posto in vendita, infatti, può contattare direttamente la persona o l’azienda che ha pubblicato l’annuncio tramite un messaggio in chat. La transazione, quindi, avviene esclusivamente tra i privati e comunque sempre all’esterno della piattaforma. Non sono previsti, infatti, sistemi di pagamento tramite moneta elettronica o carta di credito ma esclusivamente un contatto tra compratore e venditore che si accordano sulle modalità di pagamento, sulle eventuali spese di spedizione e/o di consegna. Tuttavia, alcuni rumors parlano già di possibili evoluzioni della piattaforma, con un incremento dei servizi offerti tra i quali, presumibilmente, quello di una gestione dei pagamenti tramite moneta elettronica e carte di credito. Non si tratta di possibilità remote, visto che negli Stati Uniti sono già attive, rodate e ampiamente utilizzate.

Ma come funziona l’e-commerce sul Facebook Marketplace? Come ogni cosa su questo noto social network anche l’e-commerce è molto semplice e immediato da utilizzare. Se si è alla ricerca di un particolare servizio o prodotto, infatti, si può inserire negli appositi campi a finestra o da compilare, il tipo di articolo che si sta cercando, l’intervallo di prezzo che si vuole spendere e anche la distanza dalla propria residenza. Con quest’ultima funzione si avrà la certezza di filtrare solo articoli che potranno essere facilmente recapitati o raggiunti. Gli articoli corrispondenti alle impostazioni del filtro vengono quindi presentati in una sorta di vetrina fotografica, nella quale sono inseriti una breve descrizione e il prezzo. Cliccando su uno degli articoli si potrà ingrandire la foto, ottenere informazioni sul venditore e inviargli un messaggio per richiedere maggiori informazioni sull’articolo o sulle modalità di pagamento e di consegna.
I prodotti più interessanti possono essere salvati in un’apposita pagina prima di procedere all’acquisto mentre, nella pagina Acquisto si potranno visualizzare tutte le trattative concluse e i prodotti acquistati. Se oltre a comprare articoli si vuole utilizzare il Marketplace anche per vendere, si potranno tenere sotto controllo tutti i propri annunci nella pagina In Vendita. Qui, si potrà scegliere tra le diverse categorie in elenco: selezionare la giusta categoria permetterà ai filtri di riconoscere facilmente l’articolo in vendita tramite la funzione Vendi Qualcosa attiva in fondo alla pagina.