Chatbot di Facebook Messenger, quali sono e cosa fanno?

Come molti di voi conosco e utilizzo Facebook Messenger da tantissimi anni, con Whatsapp è il mio sistema di messaggistica istantanea preferito, ma a quanto pare siamo in molti a preferirlo per le nostre conversazioni digitali visto che ha superato il miliardo di utenti attivi ogni mese fin dal giugno del 2016.

Nel corso della sua “breve” storia Facebook Messenger si è evoluto costantemente aggiungendo continuamente nuove funzioni come ad esempio gli Instant Games e la Messenger Day per caricare immagini e video che rimangono visibili a tutti i contatti per un lasso di tempo uguale a 24 ore oppure la versione lite di Messenger per gli utenti che hanno connessioni lente e per coloro che posseggono uno smartphone con specifiche tecniche insufficienti per supportare la versione tradizionale dell’app. e tante altre funzioni…

L’innovazione più potente tuttavia è stata nell’aprile del 2016 quando Facebook annunciò l’introduzione dei Chatbot su Messenger scatenando eccitazione e fermento tra gli addetti del settore per l’innegabile impatto che i Bot promettevano di dare!

Per quanto mi riguarda la prima cosa che ho pensato fu che i chatbot avrebbero aperto un nuovo scenario per automatizzare le conversazioni con i propri clienti da parte delle aziende, con il passare del tempo e attraverso l’esperienza maturata in questi ultimi 2 anni ho capito che una migliore e più semplificata gestione del Customer Care è solo uno dei vantaggi che i Chatbot Messenger possono offrire.

Sviluppando un Chatbot Messenger è infatti possibile agevolare le risposte più ricorrenti  che vengono fatte nelle normali chat oppure telefonicamente ma anche tante altre cose, ad esempio:

  • Creare liste di utenti interessati senza l’obbligo di lasciare email e numero di telefono;
  • Inviare delle notifiche con le proprie novità agli iscritti di queste liste;
  • Vendere prodotti e servizi direttamente in chat senza obbligare l’utente a uscire da Facebook;
  • Registrare prenotazioni, iscrizioni, appuntamenti…
  • Ottenere pagamenti;
  • Fare quiz e sondaggi.

In poche parole… grazie a un Chatbot Messenger possiamo comunicare e fare marketing come era inimmaginabile fare prima!

A questo punto molti di voi, come mi è successo spesse volte con i nostri clienti, si staranno facendo delle domande alle quali ho cercato di rispondere in questo post.

Cos’è un Chatbot Messenger?

E’ un software basato sull’Intelligenza Artificiale, in grado di simulare una conversazione intelligente con gli utenti che interagiscono sulla chat Facebook Messenger.

Come può essere utilizzato?

A supporto del customer care per offrire agli utenti aiuto e risposte, per diffondere notizie e novità.

Dove risiede il Chatbot?

Nella pagina facebook e nel Sito Web. Quando l’utente mette un like scrive un commento, toglie un like il BOT potrebbe interagire con l’utente per ringraziarlo oppure chiedergli spiegazioni. Di recente Facebook ha creato un set di pulsanti che se cliccati aprono una conversazione diretta con gli utenti attivando automaticamente il Chatbot.

Quanti utenti utilizzano Messenger?

Facebook Messenger ha superato il miliardo di utenti attivi ogni mese fin dal giugno del 2016.

Meglio un Chatbot oppure un’app.?

Chatbots vs App è una battaglia in corso con meno App che vengono alla luce ogni giorno e più chatbots che appaiono ogni giorno. Le app tradizionali richiedono, per lo meno, di essere scaricate dall’app store, poi c’è la  seccatura di registrarsi o collegarla a un account Google o Facebook attivo. E se ciò non bastasse, bisogna dedicare del tempo a imparare a navigare nella sua interfaccia utente. Con i chatbot, nulla di tutto ciò! Stiamo parlando di download zero, registrazioni, curve di apprendimento o aggiornamenti – assolutamente nulla. In altre parole, è semplice.

A quali aziende potrebbe servire un Chatbot?

A qualunque azienda o professionista che vogliono dare una risposta rapida e precisa ai propri prospect e clienti. Ricevere una risposta rapida e precisa da un’azienda semplicemente mandandole un messaggio è qualcosa che viene decisamente apprezzato da gran parte degli utenti. Secondo Oracle, nel 2020 l’80% delle aziende offrirà ai propri clienti interazioni con chatbot.

Come creare un Chatbot Messenger?

Il primo Chatbot nacque nel 1966 dalla mente dell’informatico Joseph Weisenbaum, all’epoca servivano significati skill per sviluppare un Chatbot, oggi ci sono dei tools che ne facilitano lo sviluppo, vi cito i due che ritengo essere i migliori e più diffusi. I Chatbot creati con questi sistemi possono inviare contenuti pianificati, inviare messaggi a tutti gli utenti simultaneamente (broadcast) e chattare fornendo risposte alle domande più comuni.

Chatfuel;

Chatfuel è stato uno dei primi strumenti disponibili a permettere la creazione di bot senza richiedere programmazione. E’ molto semplice da usare, permette di creare bot che interagiscono su Facebook Messenger con una curva di apprendimento ragionevole.

Manychat;

ManyChat come Chatfuel permette di creare Chatbot per Facebook Messenger abbastanza velocemente. I bot creati possono inviare contenuti pre-programmati, inviare messaggi a tutti gli utenti simultaneamente (broadcast) e chattare fornendo risposte pre-programmate alle domande più comuni.

Webbybot;

Webbybot è la nostra App. realizzata sulla base della nostra esperienza maturata da poco meno di una paio d’anni a questa parte nello sviluppo di Chatbot per i nostri clienti. Con Webbybot sviluppiamo Bot che gestiscono sia grandi che piccoli progetti; da una grande rete di agenzie immobiliari al customer care di: palestre, centri medici, ecommerce, ristoranti, spa e centri estetici e tante altre medio piccole attività. Webbybot è altamente pewrosnalizzabile e permette ad esempio di gestire da un’unica interfaccia più sedi risparmiando tempo e denaro.

Posso creare un Chatbot autonomamente?

Ni 🙂 Con una qualunque delle tre piattaforme citate, così come tante altre, “teoricamente” potresti creare autonomamente un chatbot tuttavia affinchè funzioni e sfrutti al meglio le sue caratteristiche il consiglio è di rivolgersi a un’agenzia oppure a un professionista esperto.

Come promuovere un Chatbot Messenger?

Collega il Chatbot al tuo sito. Ad esempio, un visitatore del tuo sito vuole conoscere i dettagli di un servizio che offri. Vede l’icona di Messenger, apre la chat e fa la sua domanda.

Da qualche tempo creando una Campagna “Traffico”, solitamente usata per portare visitatori su Landing Page, hai l’ opzione della destinazione, fra cui c’è anche Messenger nel quale risiede il tuo Chatbot.

Utilizzando il QR CODE di Messenger su vetrofanie, biglietti da visita, documenti quali: fatture o ddt, messaggi di posta elettronica, cartelloni pubblicitari… Se sei admin di una pagina Facebook, trovi il codice della tua pagina nella sezione “Messaggi”, da cui puoi scaricarlo in diversi formati.

Altri suggerimenti?

Poniti degli obiettivi, come abbiamo visto un Chatbot offre parecchie possibilità: customer care, catturare utenti attraverso i social media facendo delle campagne Facebook ADS, inviare notifiche con sconti e novità e molto altro…

Non fare una scelta rigida nel gestire le risposte ti consigliamo un MIX tra conversazione con un operatore, risposte guidate oppure automatiche.

Testa il tuo Chatbot prima di pubblicarlo!

 

 

 

 

 

 

 

Fabio Dell'Orto on EmailFabio Dell'Orto on Linkedin
Fabio Dell'Orto
Digital Project Manager - SEO&SEM Specialist - WebCreativi
Analista programmatore per 20 anni, nel 2001 si innamora perdutamente di Internet ed in particolare di SEO (Search Engine Optimization) e incomincia a studiare Google e ad occuparsi di posizionamento sui motori di ricerca.

E’ l’ideatore del Blog Degli Orologi, il primo blog italiano interamente dedicato al mondo dell’orologeria, e responsabile del progetto Citizenmania, blog community degli appassionati delle tecnologie Citizen. Ha collaborato con importanti società nazionali e miultinazionali come Liolà, Gruppo Orlandi, Trussardi e Giuseppe Bianchi SpA.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *