Offese sessuali a Bebe Vio: vergogna social

– Immagine di www.oasport.it –

Che il mondo social sia terreno facile in cui dar libero sfogo a bassi istinti è argomento di discussione ormai diffuso nel web, ma pare proprio che non ci sia limite al peggio per i troll arrabbiati che dietro alla tastiera del loro pc o smartphone lanciano invettive e offese a chiunque, senza limiti né ritegno.

Dopo la studentessa di Giulianova superstite della tragedia di Rigopiano, ora è Bebe Vio ad essere entrata nell’occhio del mirino di una pagina Facebook che incentivava a usarle violenza. Lo ha denunciato il Codacons che, presentando istanza alle Procure della Repubblica di Roma e Venezia, ha fatto chiudere la pagina e avviare le indagini per i reati di minaccia grave e istigazione a delinquere.

Delusione per chi, come noi, nel web e nei social lavora ed ha accolto l’evoluzione della comunicazione digitale come importante passaggio storico in grado di garantire alle persone il diritto più ampio di pensiero e di parola. Costernazione di molti perché se nei social, oggi, troneggiano leader di bande oscure che ne occupano gli spazi per diffondere pensieri distruttivi, questo non è semplicemente una questione che riguarda il web, ma un fallimento umano.

Ecco le dichiarazioni del Presidente del Codacons Carlo Rienzi : “Esprimiamo grande soddisfazione per la decisione della Procura, la prima che finalmente in Italia vuole vederci chiaro sugli insulti e le minacce pubblicate sui social network, ma non basta.  Chiediamo al procuratore Adelchi d’ Ippolito di estendere l’inchiesta, indagando su quei gruppi nati su Facebook che incitano all’odio e alla violenza, soprattutto verso donne, gay e disabili. Gruppi estremamente pericolosi perché possono avere effetti tragici sui più giovani o sulle menti più fragili (portandoli a compiere gesti illeciti), e dove addirittura si scambia materiale pedopornografico”.

Confidiamo nel lavoro della Polizia Postale preposta a monitorare tutti i mezzi di comunicazione, anche digitali, affinché anche nei social le regole vengano rispettate e, chi non lo fa, punito. Facebook è infatti un luogo pubblico dove chi infrange la legge deve risponderne in sede civile e penale, ecco la lista di illeciti nei quali è possibile incorrere in Facebook.

Gli utenti possono segnalare contenuti offensivi o illeciti direttamente a Facebook e alla Polizia postale tramite il servizio di segnalazione disponibile online.

Nel web come nella vita esistono i chiaroscuri che sono espressione della complessità dell’animo umano. Ma tra la libertà di pensiero e l’illegalità il confine non può, e non deve, essere labile.

 

Barbara Gorlini on EmailBarbara Gorlini on LinkedinBarbara Gorlini on Twitter
Barbara Gorlini
Digital Project Manager - Communication & PR - WebCreativi
Laureata in linguistica computazionale, PNL Master e Counselor Relazionale Sistemico, affronta da molti anni i temi della comunicazione ad ampio spettro, acquisendo strumenti validi per la gestione delle relazioni dentro e fuori dal web.
Appassionata sostenitrice della comunicazione digitale, sviluppa strategie di branding, customer relationship e crisis management, allo scopo di affermare la l'immagine di aziende nel web e tutelarne la reputazione acquisendo popolarità nella rete. E' cofondatrice dell'agenzia WebCreativi.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *